Cenni Storici

Villimpenta ha origini remote e numerosi ritrovamenti archeologici fanno risalite l'insediamento al Neolitico e nell'Età del Bronzo

Data:
12 Dicembre 2019

Villimpenta ha origini remote e numerosi ritrovamenti archeologici fanno risalite l'insediamento al Neolitico e nell'Età del Bronzo. La più antica citazione risale al 1047 e parla di un castellum in Villapicta di proprietà dell'abbazia di San Zeno di Verona, a loro donata dall'imperatore Enrico III. Villimpenta fu ceduta al controllo dei veronesi sino al 1243, quando i mantovani si riappropriarono della zona, imprigionando anche i fiancheggiatori di Ezzelino da Romano. Nel XIV secolo passò sotto gli Scaligeri, i Visconti e nel 1391 definitivamente sotto i Gonzaga con Francesco I Gonzaga, signore di Mantova, che acquistò da Gian Galeazzo Visconti la zona comprendente anche il borgo e l'antico castello. I Gonzaga governarono sino al 1708, anno della loro caduta. Il borgo fu saccheggiato nel 1618 e nel 1796 dalle truppe francesi e da quelle austriache nel 1796. Caratteristica di Villimpenta, la cui collocazione geografica di confine tra la Lombardia ed il Veneto nonché tra le Province di Mantova e Verona è la vicinanza geografica, circa 100mt, tra la Villa Gonzaghesca -Villa Zani- ed il Castello Scaligero, una appartenente alla Famiglia dei Gonzaga di Mantova e l'altro alla Famiglia degli Scaligeri di Verona.

Bibliografia: "VILLIMPENTA TERRA DI CONFINE" a cura di Renata Casarin. - 2003 -

Ultimo aggiornamento

Mercoledi 11 Marzo 2020